Stampa

Informazioni sul 730

Il 730 e' il modello per la dichiarazione dei redditi dedicato ai lavoratori dipendenti ed ai pensionati.

 

Dal 15 aprile 2018, l'Agenzia delle Entrate metterà a disposizione su apposita area riservata (www.agenziaentrate.gov.it) dei titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati, il modello 730 precompilato. Il contribuente, in piena autonomia,  ha di tempo fino al 23 luglio per confermare la dichiarazione, integrarla, oppure modificarla direttamente sul sito dell'Agenzia delle Entrate. In tal caso, il contribuente, deve essere dotato di apposito PIN.

 

Occorre ricordare, che se la dichiarazione viene confermata dal contribuente senza modifiche, lo stesso non sara' soggetto a verifiche da parte dell'Agenzia delle Entrate.

In caso di modifica o integrazione della dichiarazione, l'Agenzia delle Entrate potrebbe procedere ad effettuare i controlli nei confronti del contribuente, il quale, in caso di errori, sara' responsabile di quanto dichiarato e potrebbe incorrere nel pagamento dell'imposta non versata, sanzioni ed interessi.

 

Se invece si decide di rivolgersi al CAF, il contribuente, dopo aver rilasciato apposita delega, verra' assistito in tutte le fasi della presentazione della dichiarazione. Sara' il CAF a scaricare il precompilato, a verificare che le informazioni inserite siano corrette, ad eventualmente integrarlo verificando la documentazione presentata, e provvedera' ad effettuare l'invio della dichiarazione nei tempi previsti all'Agenzia delle Entrate.  

Inoltre, sara' il CAF a rispondere in caso di controlli da parte dell'Agenzia delle Entrate. Infatti, una volta apposto il visto di conformita' sui dati inseriti, in caso di errori la responsabilita' di quanto dichiarato passa al CAF, compreso il pagamento di eventuali imposte non versate, sanzioni ed interessi.

 

CHI PUO' PRESENTARE IL MODELLO 730

Possono utilizzare il Mod. 730 i contribuenti che nell'anno precedente hanno percepito:

 

  • redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (es. co.co.co. e contratti di lavoro a progetto);
  • redditi dei terreni e dei fabbricati;
  • redditi di capitale;
  • redditi di lavoro autonomo per i quali non e' richiesta la partita IVA (es. prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente);
  • redditi diversi (es. redditi di terreni e fabbricati situati all'estero);
  • alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata, indicati nella sezione II del quadro D.

 

Possono utilizzare il Mod. 730 i contribuenti che nell' anno in corso sono:

 

  • pensionati o lavoratori dipendenti (compresi i lavoratori italiani che operano all'estero per i quali il reddito e' determinato sulla base della retribuzione convenzionale definita annualmente con apposito decreto ministeriale);
  • persone che percepiscono indennita' sostitutive di reddito di lavoro dipendente (es. integrazioni salariali, indennita' di mobilita');
  • soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca;
  • sacerdoti della Chiesa cattolica;
  • giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive (consiglieri regionali, provinciali, comunali, ecc.);
  • persone impegnate in lavori socialmente utili;
  • lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all'anno. Questi contribuenti possono rivolgersi: al sostituto d'imposta, se il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di aprile al mese di luglio dell'anno corrente; ad un centro di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti (Caf-dipendenti) o a un professionista abilitato, se il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di giugno al mese di luglio dell'anno corrente e si conoscono i dati del sostituto dimposta che dovra' effettuare il conguaglio;
  • personale della scuola con contratto di lavoro a tempo determinato, che si puo' rivolgere al sostituto d'imposta o a un Caf-dipendenti o a un professionista abilitato, se il contratto dura almeno dal mese di settembre dell'anno precedente al mese di giugno dell'anno in corso;
  • lavoratori che posseggono soltanto redditi di collaborazione coordinata e continuativa (art. 50, comma 1, lett. c-bis, del TUIR) almeno nel periodo compreso tra il mese di giugno e il mese di luglio dell'anno corrente e conoscono i dati del sostituto che dovra' effettuare il conguaglio, presentando il Mod. 730 a un Caf-dipendenti o a un professionista abilitato;
  • produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti dimposta (Mod. 770 semplificato e ordinario), IRAP e IVA.

Possono utilizzare il Mod. 730 anche i soggetti che devono presentare la dichiarazione per conto di soggetti minori o incapaci, purche' ricorrano le condizioni per fruire dell'assistenza fiscale.  

 

CREDITO O DEBITO?

Dall' elaborazione del 730, puo' emergere:

 

  • un saldo a credito ed in questo caso, il rimborso arriva direttamente in busta paga (generalmente luglio) o con la rata della pensione (generalmente agosto o settembre);
  • un saldo a debito ed  in questo caso, le somme vengono trattenute direttamente in busta paga (generalmente luglio) o dalla pensione (generalmente agosto o settembre);se lo stipendio o la pensione sono insufficienti per il pagamento di quanto dovuto, la parte residua, maggiorata degli interessi mensili, viene trattenuta dai pagamenti dei mesi successivi; in alternativa, il contribuente puo' chiedere di rateizzare in piu' mesi le trattenute, indicandolo nella dichiarazione; per la rateizzazione sono dovuti, ovviamente, gli interessi.

 

COSA FARE IN CASO DI ERRORI

Se il contribuente riscontra degli errori di compilazione o di calcolo, nel prospetto di liquidazione delle imposte - ricevuto dal datore di lavoro dall'ente pensionistico o dall' intermediario deve rivolgersi agli stessi soggetti per la correzione degli errori tramite il modello 730 rettificativo. Quando invece il modello e'  stato compilato in modo corretto, ma il contribuente si e' accorto di aver dimenticato di esporre degli oneri deducibili o detraibili, quest'ultimo ha 2 possibilita':

  • presentare, necessariamente ad un intermediario (Caf, professionista), entro il termine fissato dall'Agenzia delle Entrate, un modello 730 integrativo, con la relativa documentazione;
  • presentare un modello Unico Persone fisiche, entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta successivo.

Se invece il contribuente si e' accorto di aver dimenticato di dichiarare dei redditi, oppure ha indicato oneri deducibili o detraibili in misura superiore a quella spettante, deve presentare obbligatoriamente un modello Unico Persone fisiche e pagare direttamente le somme dovute, compresa la differenza rispetto all'importo del credito risultante dal modello 730, che verra' comunque rimborsato dal sostituto d'imposta.

 

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE AL CAF CONFASI SRL.  

  • Codice fiscale del contribuente, del coniuge e dei familiari a carico
  • Dichiarazione dei redditi mod. 730 o Unico dell'anno precedente
  • Documentazione relativa ai redditi di lavoro dipendente e assimilati ( C.U. rilasciato o dall'ente pensionistico o dal datore di lavoro)
  • Atti di compravendita o visure catastali per rilevare i redditi di terreni o dei fabbricati
  • Documenti attestanti la percezione di dividenti delle societa' di capitali.
  • Fatture relative a prestazioni mediche sanitarie per familiari a carico e non
  • Spese inerenti interventi chirurgici ( anestesia, plasma sanguigno, trasfusioni, degenza, medicinali, etc.)
  • Spese per prestazioni specialistiche ( visite ginecologiche, pediatriche, oculistiche, psichiatriche, ortopediche, etc.)
  • Spese per esami , analisi e ricerche ( analisi cliniche, radiografie, tac, risonanza magnetica, ecografie, elettrocardiogramma, elettroencefalogramma,etc.)
  • Spese per le terapie (laser, chiroterapia, dialisi, cobaltoterapia, ginnastica correttiva, sedute di neuropsichiatria, iodioterapia, etc.)
  • Spese per medicinali ( allegare la ricetta e lo scontrino fiscale della farmacia , per i medicinali acquistabili senza prescrizione medica allegare ricevuta o scontrino fiscale con dichiarazione di atto notorio attestante la necessita' )
  • Spese per protesi (protesi dentarie, foniche, apparecchi ortodontici, occhiali da vista, lenti a contatto e liquidi per il loro risciacquo e mantenimento, arti artificiali, poltrone per invalidi, pacemaker, e altre protesi cardiache - vascolari)
  • Spese per l'acquisto di medicinali
  • Spese per le cure termali
  • Spese per agopuntura
  • Spese per l'acquisto di apparecchi per Aerosol e misuratori di pressione
  • Spese mediche sostenute all'estero
  • Fatture relative alle spese per i mezzi necessari alla deambulazione dei soggetti con difficolta' motorie e spese per sussidi tecnici informatici per i portatori di handicap
  • Spese veterinarie
  • Spese relative a beni soggetti a regime vincolistico
  • Quietanze di pagamento del mutuo ipotecario e / o quietanze dei mutui o prestiti agrari, copia del contratto di mutuo per interessi passivi per i mutui acquisto dell'abitazione principale e mutui agrari ( si ricorda che e' necessario consegnare il contratto di mutuo o il contratto di compravendita)
  • Quietanze di pagamento degli interessi passivi relativi al mutuo, copia del contratto di mutuo per la costruzione dell'abitazione principale
  • Quietanze di pagamento del mutuo, copia del contratto di mutuo per interventi di recupero edilizio.
  • Fatture relative all'acquisto del cane da guida per non vedenti
  • Quietanze delle singole rate o certificazioni rilasciate dalle compagnie assicuratrici per i premi versati per assicurazioni sulla vita o sugli infortuni
  • Ricevute dei versamenti delle tasse di iscrizione per la spesa di corsi di istruzione secondaria o universitaria e asili nido
  • Spese funebri
  • Spese per servizio interpretariato
  • Spese per addetti all'assistenza personale
  • Spese per attivita' sportive per ragazzi ( palestre, piscine etc )
  • Spese per intermediazione immobiliare
  • Spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede
  • Spese per acquisto motori ad elevata efficienza
  • Spese per acquisto variatori di velocita'
  • Spese per riqualificazione energetica
  • Spese per installazione di pannelli solari
  • Spese per sostituzione di impianti di climatizzazione
  • Ricevute o quietanze del bonifico per il pagamento effettuato a favore di:

  

  1. erogazioni liberali Onlus
  2. erogazioni alle associazioni sportive dilettantistiche
  3. erogazioni alle associazioni di promozioni sociale
  4. contributi associativi alle societa' di mutuo soccorso
  5. erogazioni ad istituzioni religiose-erogazioni a partiti politici   
  6. erogazioni liberali per attivita' culturali ed artistiche
  7. erogazioni liberali a favore di enti operanti nello spettacolo
  8. erogazioni liberali a favore di fondazioni operanti nel settore musicale
  9. erogazioni alla societa' di cultura La Biennale di Venezia
             
  • Ricevute contributi previdenziali e assistenziali obbligatori e contributi per la previdenza complementare (dal 730/2015 no S.S.N. R.C. auto)
  • Ricevute contributi ai fondi del servizio sanitario
  • Ricevute dei contributi agli addetti dei servizi domestici (baby sitter, colf, assistenza agli anziani.)
  • Sentenza di separazione per gli assegni alimentari versati al coniuge (si ricorda di esibire anche il codice fiscale dell'ex coniuge)
  • Testamento o atto di donazione e quietanza rilasciata da chi riceve gli assegni periodici  (rendite - vitalizie.)
  • Quietanze dei versamenti effettuati nel corso dell'anno precedente, per saldo ed acconto irpef e addizionali regionali/comunali
  • Spese effettuate per la gestione di micro asili e dei nidi nei luoghi di lavoro
  • Ricevute effettuate per le spese sostenute per i servizi di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordomuti
  • Ricevute effettuate per le spese di recupero del patrimonio edilizio, anche per interventi di bonifica dall'amianto sulle unita' immobiliari a carattere residenziale
  • Ogni altra tipologia di onere detraibile e/o deducibile non espressamente elencata nei punti precedenti
     
Stampa
© 2018 CAF Conf.A.S.I. s.r.l. - P.IVA 11335261001 - Tutti i diritti sono riservati. | Privacy Policy
Sesamo Software S.p.A.